Domeniche Blu, n° 6: nati per correre

Stamattina, vado a correre. Io che soffrivo d’asma, che fino a due anni fa se camminavo un po’ veloce non potevo parlare altrimenti rimanevo senza fiato, io che ho un polmone un po’ sgonfio, stamattina vado a correre. Corro sull’asfalto ancora bagnato dalla pioggia di ieri e dall’umidità di stanotte, corro sotto gli alberi ancora spogli ma già pieni di promesse, corro nella luce obliqua del mattino presto, nel silenzio della domenica mattina che tutti dormono e non c’è nessuno in giro, con il rumore dei miei piedi sulla strada e il battito del cuore in gola e nelle orecchie.

Corro perchè mi piace. Corro perchè mi fa sentire libera e allo stesso tempo mi fa sentire di avere il controllo su me stessa. Corro perchè mi fa avere percezione dei miei limiti e della possibilità di superarli. Corro perchè è vero che ti fanno male le gambe e le braccia e tutti i muscoli del corpo, ma principalmente è uno sforzo di testa. Corro perchè non avrei mai creduto di riuscirci, e invece.

Come ci sono riuscita? Grazie all’idea di un’amica, e al Ministero della Salute inglese, che ha predisposto una serie di podcast di allenamento (intitolati “Couch to 5k”) per “couch potatoes” come me, che non hanno mai corso prima. Attraverso allenamenti a intervalli progressivi si arriva, letteralmente, dallo stare spaparanzati sul divano a correre per cinque chilometri. Laura, la voce del podcast, ti guida nell’allenamento e ti incita a non mollare dicendoti Hai visto cosa sei riuscito a fare? Sei fortissimo. Non vorrai mica smettere ora? Ce la puoi fare, te lo dico io. Fidati di me e continua a correre.

Poi, corro perchè sono nata per correre.

Così, se siete anche voi nati per correre in questo senso (eddai, che era tanto che non parlavo di Bruce) non potete perdervi questo: una delle prime biografie, ormai difficile da trovare in italiano (grazie agli amici di Loose-ends.it).

Non lo dico solo io. Anche Eddie Vedder. Per dire.

Poi, per dire, non è che piaccia a tutti. Se si corre in modo scorretto, ad esempio, ci si può far male.

Ma i benefici (si dimagrisce, ci si tonifica, si dorme meglio, si è più di buonumore) sono impagabili. Anche perchè la corsa, a ben vedere, è uno degli sport più economici che ci siano.

Non ci vuole niente: basta scegliere le scarpe giuste, e avere una domenica mattina a disposizione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...